Prog. 2282 – Aule sicure per la “St. Elizabeth School”

Prog. 2282 – Aule sicure per la “St. Elizabeth School”

Mahenge (Tanzania); Tipologia: edilizia scolastica; Beneficiari: 290 bambini
0% Donated
Obiettivo : € 6.989,00
0
I donatori
€ 0,00
Donato
Dona ora

Login

Seguire

Novembre 1, 2022

CONTESTO

Mahenge, sede dell’omonima Diocesi, è una città di 32 mila abitanti che si trova nella regione di Morogoro, su un altopiano circondato da foreste tropicali. La popolazione dei villaggi vive in condizioni estremamente precarie e di miseria, a causa dei cambiamenti climatici che hanno ridotto la stagione delle piogge con pesanti conseguenze sulla produzione agricola.

In molti villaggi mancano le scuole e i bambini sono costretti a percorrere 7 o 10 Km nella foresta per raggiungerne una.

Una scuola materna nata 10 anni fa per dare accesso all’istruzione ai bambini poveri di Mahenge e di alcuni villaggi dei dintorni, è cresciuta e oggi ha 290 alunni, 2 classi nella materna, 6 classi nella primaria e 3 dormitori. Ma, per la scarsità delle risorse economiche solo i dormitori hanno i vetri alle finestre, gli altri edifici e le aule sono rimasti senza. Mahenge, dal punto di vista climatico, si trova in una regione fredda e questa situazione non è più sostenibile, molti bambini si ammalano. É diventato urgente dotare tutte le aule di finestre in alluminio con vetri.

PROGETTO

Nella Diocesi la priorità è da sempre l’istruzione delle nuove generazioni perché solo così sarà possibile interrompere il ciclo povertà-analfabetismo. Per questo nella parrocchia di Kasita, a Mahenge, dieci anni fa la Congregazione delle Suore del Cuore Immacolato di Maria (C.I.M.C.) aveva costruito e avviato la “St. Elizabeth School”, con due classi di scuola materna per dare accesso all’istruzione ai bambini poveri di alcuni villaggi dei dintorni.

All’OPAM, che con suo progetto aveva già sostenuto la crescita della scuola, si rivolge ora la direttrice, Suor Bertha Chilongola: “Mahenge, dal punto di vista climatico, è in una regione fredda. Per fortuna siamo riuscite a dotare i dormitori di finestre con vetri, ma per la scarsità delle risorse economiche gli altri edifici e le aule sono rimasti senza finestre. La nostra scuola ha ora 290 alunni (154 bambine e 136 bambini) nelle 8 classi e considerando l’età dei bambini questa situazione non è più sostenibile. Molti di loro si ammalano. É diventato urgente dotare tutti gli edifici e le aule di finestre in alluminio con vetri. Per questo ci rivolgiamo ancora alla generosità dei benefattori dell’OPAM. Il costo totale del progetto è di € 8.139, il contributo della comunità locale è di € 1.150, per cui vi chiediamo di finanziare il restante importo di € 6.989. Ci aiuterete così a realizzare un progetto essenziale per la salute dei nostri bambini e dei loro 9 insegnanti che avranno ambienti confortevoli dove studiare con serenità”.