Prog. 2278 – Aiutiamoli a riprendere le lezioni

Prog. 2278 – Aiutiamoli a riprendere le lezioni

Ambohiborona (Madagascar); Tipologia: libri, arredi scolastici, attrezzature, stip. insegnanti ; Beneficiari: 318 alunni
0% Donated
Obiettivo : € 6.620,00
0
I donatori
€ 0,00
Donato
Dona ora

Login

Seguire

Settembre 1, 2022

CONTESTO

Il villaggio di Ambohiborona si trova nel centro del Madagascar, sul versante occidentale dei monti Ankaratra in una della zone più isolate della Diocesi di Antsirabe.

Poiché il tasso di analfabetismo è molto alto come pure il livello di povertà, la Diocesi sensibilizza le famiglie sull’urgenza e la necessità di una buona educazione dei figli per uscire dal circolo vizioso che genera analfabetismo e miseria, e considera la scolarizzazione una priorità pastorale. Le scuole cattoliche sono molto apprezzate per la qualità dell’insegnamento e l’Ecole Catholique Saint Augustin ne è un esempio. Fondata 40 anni fa come scuola primaria, negli anni è cresciuta e dal 2013 è autorizzata dalle autorità statali all’insegnamento dalla pre-primaria all’ultima classe di liceo.

Una scuola con classi dalla primaria al liceo, dopo essere stata chiusa per mesi per il Covid-19 e le distruzioni subite per un devastante ciclone, chiede aiuto per poter ripartire nonostante le grandi difficoltà economiche. Ha già di nuovo 318 alunni iscritti e ha bisogno di tutto: libri di testo, banchi e lavagne da sostituire, un computer e una stampante,  un aiuto per pagare 3 mesi di stipendio ai suoi insegnanti.

PROGETTO

Padre Alain Pascal Ratiarison, da due anni direttore della Saint Augustin ci scrive: “La nostra scuola è un riferimento importante non solo per i 3.500 abitanti di Ambohiborona ma per tutti gli insediamenti minori della zona. Nonostante la grande povertà della nostra popolazione, i genitori cominciano a comprendere l’importanza di mandare i propri figli a scuola e tanti alunni percorrono anche un’ora e mezza a piedi al giorno per partecipare alle lezioni. La pandemia da Covid-19 e l’ultimo ciclone Batsirai, devastante per il Madagascar, però hanno avuto un impatto economico enorme sulla nostra gente e anche noi come scuola ne abbiamo subìto le conseguenze. Siamo stati chiusi per mesi ed è venuto meno il pagamento delle rette, ma non il nostro impegno per una didattica eccellente, fondamentale per il futuro dei nostri giovani. Nonostante ci troviamo in grande difficoltà abbiamo riaperto regolarmente e gli iscritti sono già 318. I genitori fanno davvero fatica a pagare la retta scolastica e pensare che abbiamo chiesto loro anche di aiutarci con la riparazione del tetto della scuola. Per questo ci rivolgiamo a voi con una richiesta urgente per acquistare alcuni nuovi libri di testo, sostituire le lavagne deteriorate e parte dei banchi per alcune aule, dotare l’amministrazione di un computer portatile e di una piccola stampante che servirà soprattutto per produrre le schede per i lavori in classe e, infine, chiediamo aiuto anche per pagare tre mesi di stipendio ai nostri 15 insegnanti. Il contributo che vi chiediamo per coprire tutti questi costi è di € 6.620. Vi ringraziamo in anticipo per il vostro sostegno.”