Prog. 2265 – Insieme oltre pandemia e povertà

Prog. 2265 – Insieme oltre pandemia e povertà

Klembu Kutura (Indonesia); Tipologia: arredi scolastici e stipendio insegnanti; Beneficiari: 52 bambini e 3 insegnanti
0% Donated
Obiettivo : € 3.850,00
8
I donatori
€ 0,00
Donato
Dona ora

Login

Seguire

CONTESTO

Nusa Tenggara Orientale è la più meridionale tra le province dell’Indonesia. Comprende oltre 500 isole, tra le quali una delle più grandi è Sumba, ex possedimento delle Indie Orientali Olandesi. La sua popolazione è costituita per il 70% da cristiani mentre il 30% pratica la religione tradizionale Marapu, che si fonda sul culto dei defunti. Nella più popolosa tra le 4 sottoprovince di Sumba, la Sumba Barat Daya, è situata Weekombaka, un centro di 10.000 abitanti dove la gente vive di agricoltura, ma a causa della scarsità d’acqua non riesce ad ottenere dal raccolto neppure il necessario per sfamarsi e la povertà è grande.

La pandemia ha reso ancora più povera la popolazione e anche la scuola del villaggio è in difficoltà. E’ difficile pagare il salario delle tre insegnanti e completare gli arredi delle tre aule.

PROGETTO

 L’OPAM ha iniziato a operare in questa zona nel lontano 2012 sostenendo l’impegno a favore dell’educazione delle Religiose del Santo Volto nella missione di Weekombaka. Qui aveva contribuito ad aprire una scuola materna nella parrocchia “Hati Kudus” (Sacro Cuore), consentendo così ai genitori di dedicarsi ai lavori agricoli e ai fratelli maggiori di andare a scuola senza dover farsi carico dell’accudimento dei fratellini. Nel 2017 l’OPAM è nuovamente intervenuta e questa volta per dotare il villaggio di Klembu Kutura di una cisterna per la raccolta dell’acqua piovana, capace di soddisfare le necessità sia delle 2.000 persone che vi abitano che di un’altra scuola materna, che le suore avevano in animo di aprire per sopperire alla mancanza totale di questo tipo di scuole, che lo stato indonesiano non contempla.

La cisterna e la scuola “S. Luigi Gonzaga” sono state costruite, ma il Covid ha messo a dura prova la già precaria economia locale e Suor Aloisia Dal Bo, referente anche per i precedenti progetti, lancia un nuovo appello: “La pandemia ha reso ancora più povera la popolazione e anche la nostra scuola si è trovata in difficoltà. Per aiutare le famiglie abbiamo sospeso la piccola retta mensile dei nostri 52 bimbi, ma ci è difficile pagare il salario delle tre insegnanti e non siamo riuscite a completare gli arredi scolastici delle tre aule. Le famiglie daranno una mano fornendo del legname: di più non possono fare e noi non possiamo contare su altri contributi per coprire il costo del progetto che è di € 3.850.”